Ubicato sul bastione a mezzogiorno della città, privilegiato dalla salubrità dell’aria e da una vista dominante la pianura lombarda dove gli sfavillanti tramonti esaltano la contemplazione ed il ringraziamento, il monastero di S. Grata, fondato in epoca longobarda, secondo la leggenda, formatasi in periodo medioevale, risalirebbe addirittura ai tempi di Santa Grata (circa secolo IV).

 


“Le stigmate,

lasciate dai chiodi nelle nostre mani crocifisse,

saranno le feritoie attraverso le quali scorgeremo fin d’ora

le luci di un mondo nuovo”.

Don Tonino Bello

Quaresima 2021

Visita settimanale alla cappella del S.S. Jesus

 


 

Grata domina civitatis

 

Clicca qui per visualizzare l’introduzione


Uniti nella preghiera

 


 

“Signore Onnipotente, Padre nostro e speranza nostra, sai che stiamo attraversando tempi difficili e pericolosi poiché il coronavirus sta minacciando la vita degli esseri umani in tutto il mondo.
Viviamo anche altre difficoltà politiche, economiche e sociali
che fanno male e che danneggiano ognuno di noi.
Ti preghiamo, o Signore, non lasciarci soli ad affrontare tutti questi rischi che minacciano le nostre vite.
Resta con noi, proteggi i nostri cari e tutti gli uomini da ogni male.
O Signore, donaci la tua cura paterna, proteggici dal coronavirus e
da altre malattie mortali, custodiscici e benedici la nostra salute.
Concedi benedizioni di pace, sicurezza e stabilità, perché tu sei il nostro unico rifugio.
O Maria, madre nostra, imploriamo, come sempre,  la tua protezione materna in questo momento difficile, non dimenticarci, perché tu sei la nostra madre amorevole.

Amen”.

(cfr card. Louis Raphael Sako, patriarca caldeo di Baghdad)

 

btt